Tag Titolo Abstract Articolo
Amici di Brera
immagine

 

È uno dei 12 osservatori astronomici italiani coordinati dall’Istituto Nazionale di Astrofisica (INAF) sotto la supervisione del Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca (MIUR).

 

 

Nel 1922 fu eretta la sede staccata di Merate, in Brianza, dove è stata spostata gran parte delle strumentazioni a causa dell’inquinamento ottico del cielo milanese.

La sede di Brera conserva la biblioteca storica dell’Osservatorio che comprende circa 35.000 titoli pubblicati a partire dal XV secolo e ospita una mostra permanente degli strumenti storici. Su appuntamento si può salire alle cupole, in una delle quali si trova il rifrattore Mertz (recentemente restaurato e funzionante) usato da Giovanni Schiaparelli (lo scopritore dei "canali" di Marte) nella seconda metà dell’Ottocento.


Vai al sito:" Osservatorio Astronomico".

 

Amici di Brera
immagine

 

Pur avendo sede in via Borgonuovo (nello storico Palazzo Landriani), utilizza alcuni spazi che affacciano sul cortile di Brera: la Sala delle Adunanze e l’Archivio, che conserva i documenti originali dei premi per il progresso dell’industria e di vari carteggi (l’erudito viaggiatore settecentesco Carlo Amoretti, Alessandro Volta…)

Visita il sito: "Istituto Lombardo".

Amici di Brera
immagine

 

 

L’edificio sorge sul luogo dell'originario convento degli Umiliati (sec. XIV), che passò nel 1572 ai Gesuiti per volere del cardinale Carlo Borromeo. Furono i religiosi di questo Ordine, dopo avere insediato il loro collegio, ad affidare a Martino Bassi l’incarico di ampliarlo. In seguito venne affidato a Francesco Maria Ricchino il progetto di una radicale ristrutturazione, che doveva portare alla realizzazione di un nuovo grandioso palazzo (dal 1627; la nuova fabbrica fu iniziata nel 1651 e proseguita, dopo la morte del Ricchino, dal figlio Gian Domenico e dagli architetti Girolamo Quadrio e Pietro Giorgio Rossone).

 

Soppressa nel 1772 la Compagnia di Gesù, la nuova destinazione statale e laica del palazzo, voluta dall'imperatrice Maria Teresa d'Austria, mantenne e potenziò parte delle istituzioni di fondazione gesuitica - come l’Osservatorio astronomico e le scuole, fatte confluire delle Scuole palatine - e altre ne istituì: la Biblioteca Braidense, l’Orto botanico e l’Accademia di Belle Arti. Il completamento dell’edificio in vista delle sue molteplici funzioni fu affidato a Giuseppe Piermarini (dal 1774), che aggiunse anche il solenne portale d’ingresso. Fu poi Napoleone Bonaparte a fondare l'Istituto Lombardo Accademia di Scienza e Lettere e la Pinacoteca.

Inizio
10 successivi >>
Tag cloud
Mailing list
Rss
Associazione Amici di Brera e dei Musei Milanesi - Via Brera, 28 - 20121 Milano - C.F. 03178150151
questo sito è stato realizzato con il CMS Journalist | About | Contact